Saranno 2004 i posti messi a disposizione tramite il bando di concorso DSGA (con ulteriori 400 incrementabili soggetti a disponibilità).

La bozza del decreto ha fissato indicazioni importanti in merito ai requisiti di accesso al concorso DSGA , alle modalità di svolgimento delle prove d’esame e ai programmi sui quali le stesse verteranno.

Concorso DSGA: requisiti e titoli di studio per accedere

I titoli d’accesso al concorso sono:
• diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, sociali o amministrative, economia e commercio;
• diplomi di laurea specialistica (LS) 22, 64, 71, 84, 90 e 91;
• lauree magistrali (LM) corrispondenti a quelle specialistiche ai sensi della tabella allegata al D.I. 9 luglio 2009.
Oltre al personale in possesso dei suddetti titoli, possono partecipare, gli assistenti amministrativi che al 01/01/2018, abbiano maturato almeno tre anni interi di servizio negli ultimi otto nelle mansioni di direttore dei servizi generali ed amministrativi (DSGA).

Prove di esame Concorso DSGA: come si svolgeranno e su quali programmi verteranno

Lo svolgimento del Concorso avviene su base regionale o interregionale (ad ogni candidato sarà data la possibilità di partecipare per una sola regione). Ci sarà una prova:

•  pre-selettiva articolata con domande a risposta multipla, computer based, psico-attitudinale

•  scritta composta da sei quesiti a risposta aperta

• orale che durerà 45 minuti con accertamento delle competenze informatiche e delle tecnologie di comunicazione oltre alle materie specifiche.

Il DSGA è, dopo il dirigente scolastico, la figura direttiva con maggiori responsabilità nell’istituto e tra le sue funzioni emerge quella di coordinamento e verifica dei risultati conseguiti dal personale ATA, collocato alle sue dirette dipendenze e sotto la sua supervisione.

Prova pre-selettiva Concorso DSGA al pc: quanti candidati passano e come superarla

L’accesso prevede lo svolgimento di una prova pre-selettiva al computer unica per tutto il territorio nazionale e volta all’ accertamento delle capacità psico-attitudinali dei candidati e alle competenze giuridiche richieste.

In seguito alla preselezione computer based, accede alla prova scritta un numero di candidati quattro volte superiore a quello dei posti messi a disposizione dal bando del concorso.

Prima prova scritta concorso DSGA.

La prima prova scritta è di tipo teorico e consiste in 6 quesiti a risposta aperta sulle seguenti materie:

a) diritto costituzionale;
b) diritto amministrativo, con riferimento al diritto dell’Unione europea;
c) diritto civile, più nello specifico l’ambito delle obbligazioni e ai contratti;
d) contabilità pubblica, per quanto concerne la gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche;
e) diritto del lavoro, relativamente al pubblico impiego contrattualizzato;
f) ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico.

Elaborato per la prova scritta Concorso DSGA: argomenti.

La seconda prova scritta, di carattere pratico, impegna i candidati nell’elaborazione di una risoluzione di un caso pratico in ambito giuridico-amministrativo o gestionale amministrativo con riferimento a questioni che riguardano da vicino l’attività gestionale dell’istituzione scolastica.

Entrambe le prove dovranno essere svolte in 180 minuti.

Prova orale per Direttori dei servizi generali e amministrativi

La prova orale ha una durata di 45 minuti e prevede il superamento di un colloquio che riguarda le materie oggetto della prova scritta alla quale si aggiunge:
a) diritto penale, con particolare riguardo ai delitti contro la Pubblica Amministrazione;
b) legislazione scolastica, con particolare riferimento ai più recenti aggiornamenti normativi;
c) lingua inglese;
d) elementi di informatica.

Graduatoria Concorso DSGA: valutazione dei titolo e punteggi extra

Di seguito l’indicazione dei titoli soggetti a valutazione che potranno dare diritto ad un aumento del punteggio in graduatoria (uno per ciascun anno accademico fino ad un massimo di 4 punti):

  • voto di laurea;
  • titoli di laurea aggiuntivi;
  • dottorato;
  • master di I e II livello;
  • idoneità in altri concorsi in Pubblica Amministrazione;
  • titoli di servizio a partire da un anno di anzianità.

Assunzioni vincitori Concorso DSGA: tempistiche e inquadramento contrattuale

I posti assegnati potrebbero essere coperti già dal 1° settembre 2019, vista la grave carenza di questa figura professionale nelle scuole.

Ricordiamo che il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, nell’arco delle sue funzioni:

– Sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l’organizzazione occupandosi del coordinamento, della promozione delle attività e della verifica dei risultati raggiunti, in relazione agli obiettivi assegnati, al personale ATA, sotto le sue dirette dipendenze.

– Organizza in maniera autonoma l’attività del personale ATA attribuendogli incarichi di natura organizzativa;

– Svolge con autonomia operativa e responsabilità diretta mansioni di istruzione, predisposizione e formalizzazione degli atti amministrativi e contabili;

– è funzionario delegato, ufficiale rogante e consegnatario dei beni mobili.

– se necessaria svolge attività di studio e di elaborazione di piani e programmi che presuppongono specifica specializzazione professionale, con autonoma determinazione dei processi formativi e di attuazione;

– all’occorrenza svolge attività di tipo tutoriale, di aggiornamento e formazione nei confronti del personale.

– possono essergli affidati incarichi di ispezione nell’ambito delle istituzioni scolastiche.

L’inquadramento prevede un contratto di 36 ore settimanali, da gestire con autonomia e flessibilità durante la settimana lavorativa.

La retribuzione base di un DSGA, al netto di indennità, retribuzioni accessorie e scatti di anzianità, è di circa 1.853,23€