La nota fa seguito ad un approfondito confronto con le competenti autorità rumene, dal quale emerge che i titoli di cui sopra, non sono sufficienti per l’esercizio della professione di insegnante in Romania, e di conseguenza non lo sono nemmeno in territorio italiano.

Il MIUR  ha chiesto anche il parere del CIMEA (Centro di Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche), membro della rete NARIC (National Accademie Recognition Information Centres) dell’Unione Europea, il quale ha chiarito che la qualifica acquisita nei corsi di formazione psicopedagogica “Adeverinta” non è titolo sufficiente per l’esercizio della professione di insegnante.

Pertanto le richieste di riconoscimento di tali titoli sono da considerarsi rigettate.